International Activity

N.B. This content has not yet been translated. What you’re seeing is the content in the original language.

Le attività internazionali a cui il CNR partecipa sono numerose; per esigenze di sintesi vengono riportate quelle più significative che vedono il coinvolgimento delle strutture del DIITET.

Organismi Internazionali ai quali aderiscono strutture del DIITET:

  • European Defense Agency (EDA). Dal Settembre 2017, il Dipartimento è divenuto il partner privilegiato del Ministero della Difesa per tutti i rapporti con la EDA. Le attività di ricerca scientifico-tecnologica della EDA sono organizzate in gruppi di lavoro, denominati Cap Tech (CAPabilitiesTECHnologies). Nelle dodici delegazioni degli Stati Membri della UE nei CAPTECH EDA, i ricercatori CNR (10 del DIITET e due di altri dipartimenti) ricoprono in ruolo di rappresentante nazionale della ricerca;
  • NATO. Analogamente al punto precedente, dal Settembre 2017 il DIITET esprime il Rappresentante Nazionale della ricerca nel “NATO Science & Technology Board”, l’organismo scientifico più alto di tutta la NATO;
  • IUTAM (International Union of Theoretical and Applied Mechanics). Il DIITET aderisce tramite l’Associazione Italiana di Meccanica Teorica ed Applicata (AIMETA),dedita alla ricerca scientifica in tutti i rami della meccanica teorica e applicata e le scienze correlate, compresi gli studi analitici, computazionali e sperimentali.
  • IFAC (International Federation of Automatic Control). Si tratta della federazione multinazionale che ha lo scopo di promuovere la scienza e la tecnologia del controllo, nel senso più ampio, in tutti i sistemi, come, ad esempio, nell’ingegneria, nella fisica, nella biologia, nelle scienze sociali o economiche. L’IFAC si occupa anche dell’impatto della tecnologia del controllo sulla società, affrontando la sfida della nuova era nella comunicazione, pubblicazione e scambio di idee per via elettronica.
Programmi Internazionali ai quali le strutture del DIITET partecipano:

  • W3C, World Wide Web Consortium, un consorzio internazionale, fondato nel 1994, che opera per definire gli standard web. Il CNR partecipa con l’ISTI - Istituto di Scienza e Tecnologie dell'Informazione "A. Faedo" del DIITET.
  • ERCIM, EuropeanResearchConsortium of Informatics and Mathematics, che ospita la sede europea del W3C. Si tratta di un consorzio, costituito nel 1988 con 20 Paesi membri, al quale il Cnr ha aderito nel 1992, che si propone come rete aperta di centri di eccellenza nei settori delle scienze e tecnologie dell'informazione e della matematica applicata. Il CNR partecipa con l’IIT - Istituto di Informatica e Telematica del DIITET.
  • GALILEO e COPERNICUS, programmi relativi rispettivamente alla ‘navigazione’ e all’osservazione della terra. Copernicus, in particolare, consente di osservare, attraverso alcuni satelliti, la qualità dell’aria, la condizione dei mari o fenomeni geologici e atmosferici (terremoti, slavine) per valutare la ‘salute’ del nostro pianeta”, anche in relazioneai cambiamenti climatici.
  • SPARC, partnership pubblico-privata tra la Commissione europea, l'industria e il mondo accademico europeo per facilitare la crescita e l'empowerment dell'industria della robotica e della catena del valore, dalla ricerca alla produzione. Il partenariato pubblico-privato in robotica si basa su un contratto tra la Commissione europea e l'Associazione senza fini di lucro “euRobotics” firmato il 17 dicembre 2013.Con un finanziamento di € 700 milioni da parte della Commissione per il 2014-2020 e un triplo di quello dell'industria europea, SPARC è il più grande programma di innovazione per la robotica finanziato dai civili nel mondo. Il CNR partecipa con l’INM - Istituto di INgegneriadel Mare (robotica marina) e con STIIMA - Istituto di Sistemi e Tecnologie Industriali Intelligenti per il Manifatturiero Avanzato (robotica industriale).
  • Nell’ambito dei rapporti con gli organismi di ricerca internazionali, è in corso una pluriennale collaborazione con l’Office of NavalResearch (ONR), l’organismo di ricerca dalla US Navy, per sviluppare insieme progetti di ricerca (finanziati con l’approccio matching funds) nel settore della Difesa.
  • Ricercatori del DIITET partecipano ad alcuni gruppi di lavoro europei, tra cui il Gruppo consultivo sulle tecnologie emergenti e future (Future & Emerging Technologies Advisory Group - FETAG), un'entità consultiva istituita perfornire consulenza alla Commissione europea sul ruolo delle tecnologie emergenti in H2020 e rafforzarne ulteriormente l'impatto nella scienza, nella società, nella tecnologia e nell'innovazione.
  • Da citare, inoltre, la presenza CNR-DIITET in partnership pubblico-private, quali l’organismo europeo sulla cyber sicurezza (European Cyber Security Organisation - ECSO) che vede il CNR tra i cinque cofondatori dell’iniziativa e che oggi coinvolge 240 tra industrie, enti di ricerca, università e pubbliche amministrazioni in Europa; nella Iniziativa di Programmazione Congiunta (Joint Programming Initiative - JPI) “Healthy and ProductiveSeas and Oceans(JPI OCEANS) che vede il coinvolgimento di 16 Paesi europei insieme alla Commissione Europea, con il Ministero delle Infrastrutture e Trasporti impegnato, attraverso la Piattaforma Tecnologica Europea WATERBORNE.
  • Nell’ambito del settore dell’energia e trasporti, i ricercatori del CNR DIITET e di altri Dipartimenti CNR partecipano, anche con ruoli di coordinamento (per quanto riguarda il CNR), ai Joint Programmes dell’EERA (https://www.eera-set.eu/), l’alleanza della Ricerca Europea sull’Energia, uno degli strumenti indicati dalla Commissione Europea nel quadro dello Strategic Technology Energy Plan (SET Plan).